TRAINING DI FORMAZIONE BASE IN COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE*

4° EDIZIONE IN PARTENZA!

APRILE 2020 -  GIUGNO 2021

presso il Centro studi Amasti Mondi

a Trento  in via Stella di Man 6 -12

Il training di formazione con le costellazioni familiari e sistemiche prosegue con una nuova edizione! 

 

*Ente di formazione non formale

 

APPROCCIO OLISTICO DELLE COSTELLAZIONI FAMILIARI

La visione olistica apre uno sguardo nuovo e totale alla persona e al suo benessere,  che vede il corpo, la mente e l' anima come una totalità unica e integrata. Il termine Olistico deriva da Olos, che in greco significa intero, illuminando così un modo unitario ed organico di concepire la realtà, l’uomo e la sua esistenza. La visione olistica va oltre l'immagine della mente dualistica e conduce verso un Tutto che vibra all’ unisono.

Le Costellazioni familiari trovano all'interno dell'approccio olistico, il loro posto legittimo e conducono naturalmente verso la ricerca dello stato di benessere, prerogativa di ogni persona di qualsiasi età e condizione sociale.

 


LE COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE

Conosciute in tutto il mondo grazie al meraviglioso lavoro di Bert Hellinger, le Costellazioni familiari sono una metodologia che consente di scoprire e sciogliere i blocchi del nostro sistema familiare che trasmettendosi di generazione in generazione, frenano e ostacolano il nostro cammino attraverso disagi, malattie, disturbi psichici e fisici.

 

Attraverso le rappresentazioni delle Costellazioni familiari riusciamo a cogliere le dinamiche nascoste che ci legano alla nostra famiglia e nel momento in cui le riconosciamo e con amore le integriamo nella nostra vita, tutto inizia a scorrere in modo diverso e fluido. Ci offrono così l’occasione di conoscere meglio la nostra realtà e quella degli altri membri familiari indicandoci la via più appropriata per ritrovare noi stessi e contemporaneamente per rapportarsi nel modo corretto con gli altri.

 

E’ questo un percorso verso l’autonomia dove, attraverso i profondi movimenti dell’anima possiamo scioglierci da legami e da fedeltà insane che ci impediscono di andare con passo leggero e gioioso verso il compimento del nostro mandato, aiutandoci a portare in superficie i nostri talenti e attuandoli in una vita ricca di significato e autenticità.


LA VISIONE DI AMASTI MONDI

Le Costellazioni familiari sono dei veri e propri atti d’amore che coinvolgono tutto il nostro sistema familiare e relazionale. Conoscere le Leggi Universali che regolano l’ordine e l’armonia significa dare una svolta alla nostra vita e un significato anche a quella che ci hanno preceduto, a chi ci è accanto e a chi verrà dopo di noi.

Significa apprendere ed entrare in armonia con una nuova visione dei fatti accaduti nella nostra famiglia e guardare ai nostri genitori e ai nostri antenati esattamente come sono, senza più volere che siano diversi o che siano come vorremmo noi. Significa guardarli per quello che sono, anime in cammino come noi, con l'unica caratteristica che ci hanno preceduto e sono stati la nostra opportunità per arrivare qui ricevendo il dono della Vita.

Sono’ uno strumento potentissimo in grado di cambiare la vita perché ci permette di scioglierci di pesi e destini che non sono nostri e di cui inconsapevolmente, ma per delle ragioni ben precise, ce ne siamo fatti carico.

 

 


FINALITA’ E OBIETTIVI DEL TRAINING DI FORMAZIONE

Il Training di formazione in Costellazioni familiari e sistemiche Amasti mondi è un progetto che nasce nel 2017 a seguito di un’ispirazione per far conoscere a più persone possibili la conoscenza degli Ordini Universali che regolano appunto tutte le nostre relazioni e non solo. 

 

Divulgare questi Ordini - evidenziati da Bert Hellinger e tutto il suo lavoro fatto nel corso della sua vita – è diventato quindi uno dei miei obiettivi principali, affinché questa disciplina possa entrare nella vita di più persone possibili.

 

E' soprattutto un percorso di amore e di cuore, di profonda unione gli uni con gli altri, per scoprire insieme di essere al servizio di qualcosa di più grande.

 

E’ rivolto a tutte le persone che vogliono comprendere le dinamiche presenti nelle famiglie e che desiderano fare un percorso di crescita personale, a coloro che vogliono apprendere e utilizzare il metodo delle Costellazioni familiari sistemiche nel proprio ambito lavorativo (counselor, assistenti sociali, insegnanti, operatori socio-sanitari, e altro) e a chi sente in risonanza con questo progetto di mettersi al servizio delle persone.

 

L’intenzione è di trasmettere questa pratica in modo serio e competente affinché diventi, oltre che uno strumento di crescita personale, un vero e proprio metodo da portare nella vita e nelle relazioni di tutti i giorni, oltre che poter creare un’opportunità di lavoro singolo o come parte integrante delle attività che già si svolgono.

 

Il Training di formazione è orientato ad un approccio di tipo olistico-integrato e vuole favorire la conoscenza delle diverse vie che si sono aperte dopo il primo lavoro di Bert Hellinger portando a conoscenza l’evoluzione del suo lavoro ad opera di altri terapeuti (Psico-genealogia, Costellazioni familiari ad approccio immaginale, uso di tecniche sonore attraverso campane, tamburo, canto e altro).

 

Obiettivi del percorso formativo:

  • Conoscere tutta la parte teorica che fonda e regola il lavoro delle Costellazioni familiari di Bert Hellinger.
  • Scoprire e sviluppare le proprie risorse e il proprio talento personale riconoscendo la qualità del proprio sentire in perenne evoluzione.
  • Utilizzare in modo appropriato e integrato i vari strumenti del proprio lavoro e orientare in modo consapevole l’uso delle diverse tecniche di intervento.
  • Sviluppare la capacità di attenzione per entrare in autentico ascolto olistico della persona.
  • Saper percepire il contatto con la propria anima e diventare canale delle energie fra Terra e Cielo, favorendo l’apertura energetico-corporea e animico-spirituale.
  • Saper ascoltare e percepire le energie sottili del cliente, saper leggere il linguaggio del corpo e del suo campo energetico e accogliere la persona completamente e senza giudizio nella sua totalità.
  • Aiutare il cliente ad entrare in ascolto di sé, del proprio sentire, del proprio corpo per ottenere una richiesta mirata e precisa che restringe il lavoro all'essenzialità ed efficacia.
  • Costruire le competenze e sviluppare tecniche valutative per accompagnare il cliente in un percorso di evoluzione per il raggiungimento del benessere fisico, emozionale e spirituale attraverso una prospettiva nuova e più ampia della vita
  • Diventare consapevole di un nuovo stile di vita, coerente con la propria professione che sappia interagire con rispetto e amore nei confronti degli esseri umani e in particolare, della natura e di tutti gli animali.

PROFESSIONE FACILITATORE IN COSTELLAZIONI FAMILIARI SISTEMICHE

In un mondo che cambia e si apre a nuovi orizzonti diventare Facilitatore in Costellazioni familiari sistemiche rappresenta un’opportunità professionale molto interessante perché si rivolge con una  modalità unica e complessa al benessere globale della persona. Una professione che risponde a nuovi bisogni e alla richiesta di professionisti preparati con un livello di competenze integrate e capacità relazionali.

 

Il Facilitatore in Costellazioni familiari è una persona che attraverso una conoscenza approfondita e con una o più tecniche particolari - coadiuvate dal proprio sentire e sensibilità aiuta le persone a ritrovare l’armonia, l’energia e l’equilibrio ritrovando così il naturale processo di trasformazione che migliora la qualità della vita, il benessere interiore e la crescita della consapevolezza di Sé.

 

Accompagna la persona in un viaggio alla scoperta di molte sue parti sconosciute, a partire dalle dinamiche del proprio sistema familiare, del sistema di credenze a cui obbedisce per poi, una volta sciolte e risolte,  intraprendere un percorso di individualizzazione con lo scopo di sapere “chi è” veramente al di là di tutto quello che gli è stato detto e tramandato dal suo impianto familiare.

 

IL Facilitatore in Costellazioni familiari ha fatto un profondo lavoro su di sé, ha trasformato sé stesso diventando consapevole di un nuovo stile di vita, coerente con la propria professione e etica ed è in grado di rapportarsi con rispetto e amore nei confronti di tutti gli esseri umani, degli animali e in generale con la natura. 

 

Attraverso la consapevolezza delle proprie risorse sa utilizzare in modo opportuno e completo tutti gli strumenti e le tecniche del proprio lavoro indirizzandole di volta in volta in modo consapevole e mirato per entrare in un autentico ascolto olistico della persona e del campo morfogenetico.

E' canale tra Terra e Cielo perché in contatto con la propria Anima che ne favorisce l'apertura energetico-corporea e animica-spirituale ed è in grado di percepire le energie sottili del corpo vibratorio del cliente, leggere il linguaggio del corpo e del suo campo energetico ed accoglierlo totalmente e senza giudizio nella sua totalità.

 

Il Facilitatore in Costellazioni familiari è da ritenersi un Operatore Olistico, non è un terapeuta nel senso che non si occupa di diagnosticare e curare stati di malattie fisiche o psichiche; non prescrive pertanto medicine e rimedi.

 

SBOCCHI PROFESSIONALI 

 

Gli sbocchi professionali del Facilitatore in Costellazioni familiari sono riconducibili ad aiutare le persone a sciogliere e lasciar andare blocchi e dinamiche che non gli appartengono ma di cui inconsapevolmente se ne sono fatti carico, per poi accompagnare le persone verso una maggiore consapevolezza di Sé del proprio valore e dei propri talenti.

 

Il Facilitatore in Costellazioni familiari è un professionista che agisce ai sensi della legge 4/2013, può esercitare la propria attività in studio attraverso incontri singoli e di gruppo e può inoltre collaborare con centri, associazioni e centri socio - educativi.

 


APPROCCIO METODOLOGICO

L'obiettivo di questo training di formazione va verso una metodologia che consideri il metodo delle Costellazioni familiari come mezzo privilegiato per aiutare le persone a riconnettersi con la propria anima e tutto il proprio potenziale creativo-generativo.

 

Al di là della tecnica base della conduzione di una Costellazione familiare l' approccio metodologico viene ampliato e integrato con l'uso di strumenti diversi come il canto, il tamburo, le campane tibetane e altro per aiutare le persone ad entrare in contatto e rilasciare le emozioni represse che diventano origine delle malattie del corpo, della mente e dell'anima. Si favorisce così l'apertura in modo naturale da parte del cliente dei processi individuali di auto guarigione energetica.

 

Fondamentale del percorso formativo è l'apprendimento di tutta la parte didattica su cui sono fondate le Costellazioni familiari  e a cui viene dato tanto spazio, ma altrettanto ne viene lasciato a quello esperenziale, inteso come lavoro di approfondimento su di sé e incontri di  laboratori extra moduli con esercizi a gruppi, lavori individuali, visioni e discussioni di films con occhi che tengono conto della complessità di questa metodologia.

 

 

Utilizziamo le seguenti modalità e strumenti didattici:

  • Apprendimento attraverso workshop tematici teorico-esperenziali 
  • Simulazioni partiche e tecniche nel condurre costellazioni di gruppo e singole
  • Dispense, video e letture (vedi bibliografie)

DURATA DEL TRAINING DI FORMAZIONE BASE IN COSTELLAZIONI FAMILIARI  E MODULI DI FORMAZIONE AVANZATA

Il percorso, della durata di un anno e mezzo circa ed è suddiviso in 9 moduli della durata di 2 giorni ciascuno (sabato e domenica) a cadenza quasi bimestrale e 1 modulo facoltativo di supervisione,  per un totale di 215 ore in aula. Nelle ore sono inclusi gli incontri  di laboratori di pratica e approfondimenti che si terranno al di fuori dei weekend formativi (in base alle esigenze dei frequentanti) per un totale di 36 ore,  16 ore dedicate ad incontri di supervisione di gruppo e 3 incontri di supervisione individuale.

Il percorso formativo comporta un lavoro su sé stessi che potrebbe favorire l'emergere di difficoltà personali da approfondire con percorsi di crescita personale.

 

Alla prima formazione base si aggiungeranno dei moduli a tema di approfondimento - da ritenersi facoltativi e non vincolati -  che saranno proposti durante l'anno (VEDI COSTELLAZIONI FAMILIARI SISTEMICHE) e saranno proposti  da professionisti del settore diversi e tratteranno argomenti con cui integrare e approfondire il lavoro delle Costellazioni familiari.

Sono previsti inoltre Laboratori di indagine e di ricerca spirituale per guardare in modo nuovo e diverso - dal punto di vista dell'anima e dello spirito -  ai temi delle nuove ricerche scientifiche.

 

Altri moduli di approfondimento saranno proposti durante l’anno,  aperti a tutti i partecipanti anche delle formazioni precedenti ed esterni e saranno tenuti da professionisti del settore che tratteranno temi diversi tra loro ma inerenti al lavoro delle Costellazioni familiari (per l'elenco dei professionisti vai a Operatori olistici)

 

In primavera e in autunno si svolgeranno seminari residenziali di approfondimento ad indirizzo sciamanico di Costellazioni familiari e Capanna Sudatoria condotti da Dina Tommasi e temascaleri che hanno completato il percorso richiesto per la conduzione dei Temascal  secondo la tradizione del Fuego Sagrado de Itzachilatlan fondata da Aurelio Diaz Tepankalli in accordo con Wallace Black Elk del popolo Lakota.

 

Le ore di formazione dei moduli facoltativi andranno a sommarsi al monte ore degli incontri previsti in aula. Per ogni modulo facoltativo frequentato verrà rilasciato un attestato di partecipazione che ne certifica la partecipazione e le ore totali.

 

TUTTI I SEMINARI DI APPROFONDIMENTO SONO ACCREDITATI PRESSO SIAF ITALIA E RILASCIANO 15 CREDITI ECP VALIDI PER LA FORMAZIONE CONTINUA PROFESSIONALE

 


AREE FORMATIVE - in via di aggiornamento per ampliamento/modifica offerta

Il percorso formativo in aula si sviluppa lungo l’arco di un anno e mezzo e si compone di 4 aree formative d’’aula + altri moduli formativi extra aula, per un totale di 215 ore (divise per moduli di 4 ore)

 

Le 4 aree formative sviluppano argomenti diversi con l’obiettivo di formare Facilitatori in Costellazioni familiari che abbiano una visione a 360° e possano accogliere con sensibilità, intuizione e professionalità le necessità del cliente e dei gruppi con i quali lavorano.

 

AREA CULTURALE: conoscenza della storia e del pensiero dei principali terapeuti eccellenti che hanno influenzato il pensiero e hanno portato alla nascita delle Costellazioni familiari di Bert Hellinger. Apporti e sviluppi dei diversi approcci successivi che sono parte integrante delle Costellazioni familiari di oggi.

 

AREA TECNICA: conoscenza dei fondamenti che regolano la disciplina delle Costellazioni familiari e della loro applicazione alle diverse situazioni. Teoria ed evoluzione delle Costellazioni familiari. Integrazione con altre discipline e tecniche che ne allargano il loro campo di applicazione.

 

AREA PERSONALE: acquisire la capacità tecnica, comunicativa e relazionale per l’interazione del Facilitatore con i clienti e i gruppi. Uno sguardo particolare viene posto sulla capacità di ascolto e l’utilizzo delle domande (tecniche di Counseling e PNL), unite a momenti di lavoro su sé stessi e sulle proprie dinamiche di relazione in tutti i campi della vita (famiglia d’origine, attuale, relazionale, ambiente di lavoro) oltre che ad una conoscenza delle proprie origini (Genogramma) per l’acquisizione di una maggiore consapevolezza di sé e un migliore equilibrio relazionale in ambito professionale. Sviluppare inoltre la capacità di entrare in ascolto del proprio corpo e creare uno spazio di connessione neutro e pulito per ampliare le intuizioni che possono manifestarsi durante la conduzione di una Costellazione familiare. Saper gestire eventuali manifestazioni d’emergenza durante una rappresentazione.

 

AREA PRATICA: incontri di pratia e supervisioni dove l’allievo può fare pratica nella conduzione di un lavoro di gruppo o individuale per verificare la propria capacità di relazionarsi con il cliente e di condurre autonomamente una costellazione familiare.

 

A metà e a fine percorso sono previsti due test di verifica a risposte singole dove verranno valutate le conoscenze tecniche della disciplina.

Dina Tommasi, attraverso la richiesta di un incontro privato, si riserva di esprimere la sua opinione in merito al percorso fin lì svolto,  al fine di monitorare le competenze e capacità acquisite dai singoli allievi.

 

I dati sono riassunti nella tabella sottostante.

  AREA FORMATIVA IN AULA MONTE ORE MINIMO
 1  Area culturale 14
 2 Area personale e relazionale 67
 3 Area normativa 4
  4  Area tecnica 54
 5 Area pratica 21
  6  Altre aree 36
 7 Totale monte ore discrezionali 0
  Totale monte ore frontali* (di 60 minuti) minimo strutturato in modo vincolante 196
 8 Supervisioni di gruppo  16
 9   Supervisioni individuali   3 
   Monte ore totale omnicomprensivo 215

Di cui massimo il 20% di formazione a distanza, ad esclusione dell’area tecnica.

 

*N.B. ore frontali sono le ore svolte con la conduzione diretta e/o comunque la

 

supervisione diretta all’attività da parte del docente.


AGGIORNAMENTI

Terminato il Training di formazione in Costellazioni familiari, eventuali partecipazioni successive a seminari di approfondimento saranno calcolati come ore di aggiornamento e verrà rilasciato un attestato che ne certificala partecipazione e le ore totali.


REQUISITI DI ISCRIZIONE

Per accedere al Training di formazione in Costellazioni familiari e sistemiche è previsto un colloquio conoscitivo. 

Riteniamo ogni partecipante auto-responsabile per le sue azioni all'interno della formazione.

Per la dinamica degli argomenti trattati e tipologia di lavoro profondo su sé stessi e con il gruppo, non possono parteciparvi persone affette da malattie cardiache, epilessia, disturbi mentali, psicosi.

Per le donne in stato di gravidanza, la partecipazione è consentita ma previo un colloqui informativo e comunque sotto la loro esclusiva responsabilità e del loro sentire.


SEDE E ORARI DEL CORSO

Gli incontri si terranno presso il Centro Studi Amasti Mondi

                                            in Via Stella di Man 6 -12 a Trento.

 

Presso il centro Olistico Il Ruscello è possibile pernottare al costo di E. 20,00 per notte. Adiacenti al Centro si trovano un supermercato, bar, ristorante, piadineria, gelateria e Mac Donald’s.

 

 

ORARI 

 

Sabato             ore       9,00 - 13,00 – 14,00 -18,00

 

Domenica       ore       9,00 - 13,00 – 14,00 -18,00

 

 

CENTRO STUDI AMASTI MONDI

Trento


COSTO DELL’INTERO PERCORSO DI FORMAZIONE BASE IN COSTELLAZIONI FAMILIARI SISTEMICHE

Il costo dell’intero percorso è fissato in Euro 2.100,00 ed è comprensivo di tutto il materiale didattico che verrà rilasciato di volta in volta.

 

Il costo del percorso non include i 3 incontri di supervisione individuale che sono da corrispondere a parte nel momento in cui viene sostenuto il colloquio durante la formazione. Ogni incontro individuale ha il costo di Euro 50,00 e ha la durata di un’ora.

 

Nel costo è escluso anche il Corso di Primo soccorso tenuto da personale qualificato della Croce Bianca dell'Alto Adige e che  è da ritenersi come facente parte del percorso per le persone che non hanno nozioni su come gestire situazioni improvvise che si potessero manifestare durante i lavori di gruppo. Tale costo viene stabilito in base al numero dei partecipanti e non sarà in nessun caso superiore a Euro 50,00. 

 

Il seminario di Supervisione è facoltativo o obbligatorio a seconda della scelta di studi che vuole fare lo studente.

Il programma è quello di weekend ed è a disposizione degli studenti per portare dei propri temi di supervisioni nelle difficoltà riscontrate con i propri clienti oppure nello sperimentare la conduzione di proprie costellazioni familiari.

Il costo del Seminario di supervisione è di Euro 150,00 per l'intero weekend. 

 

Il pagamento potrà essere suddiviso nel seguente modo:

 

E. 300,00 da versarsi all’ atto dell’iscrizione a cui seguiranno 9 rate di E. 200,00 da versarsi entro l’inizio di ciascun modulo in contanti o a mezzo bonifico bancario.

 

Per i giovani al di sotto dei 26 anni il costo del training è fissato in Euro 1.600,00 di cui Euro 250,00 da versarsi al momento dell’iscrizione e 9 rate successive di E. 150,00 da versarsi entro l’inizio di ciascun modulo in contanti o a mezzo bonifico bancario.

 

 

A chi sceglie il pagamento in un’unica rata verrà applicato uno sconto del 10%.

 

Sono possibili rateizzazioni personalizzate da concordare prima dell’inizio del training.

 

Dati bonifico: DINA TOMMASI – Cassa Rurale di Trento

IBAN IT52W0830401805000005750311

Causale di versamento: quota iscrizione Training di formazione in Costellazioni familiari

4° edizione e successivi indicare i vari moduli (quota 1°, 2°… modulo formazione)


RECUPERI

Eventuali moduli mancati e comunque saldati potranno essere recuperati gratuitamente solo ed esclusivamente nel Training successivo e non oltre.

 

Per chi avesse già completato l’intero percorso è possibile partecipare a singoli moduli della formazione successiva, al costo di E. 90,00 per weekend (sabato e domenica).


SCONTI

Chi è iscritto al Training di formazione usufruirà di uno sconto del 20% sulla partecipazione agli incontri di Costellazioni familiari extra formazione per tutta la durata del corso.


SUPERVISIONI

Al termine della formazione, tutti gli allievi che hanno frequentato le varie edizioni dei Training di formazione presso il Centro Studi Amasti Mondi e che avessero bisogno di supervisioni per dubbi o difficoltà incontrate con i loro clienti, possono richiedere un proprio lavoro al costo di E. 50,00 ciascuna.


ATTESTATO FINALE

Al termine del Training di formazione in Costellazioni familiari sarà rilasciato un attestato di partecipazione a tutti gli allievi che abbiano frequentato tutti gli incontri e che siano in regola con i pagamenti.

 

IL TRAINING DI FORMAZIONE E' ACCREDITATO PRESSO SIAF ITALIA E RILASCIA 50 ECP VALIDI PER LA FORMAZIONE CONTINUA PROFESSIONALE. 

 

Per ottenere l’attestato finale è comunque obbligatorio aver frequentato almeno l’80% del monte ore totali.

 

Eventuali moduli mancati e comunque saldati potranno essere recuperati gratuitamente, solo ed esclusivamente,  nel Training successivo.

 

Al termine del Training di formazione in Costellazioni familiari sarà rilasciato un attestato di partecipazione per il conseguimento del titolo di Facilitatore in Costellazioni familiari sistemiche.

 


CALENDARIO DEI MODULI DEL CORSO

1° MODULO    Dina Tommasi   4 - 5 Aprile 2020
2° MODULO    Dina Tommasi   6 - 7 Giugno 2020
3° MODULO Dina Tommasi 29 - 30 Agosto 2020
4° MODULO Dina Tommasi 17 – 18 Ottobre 2020
5° MODULO Rosalba Laurora  5 – 6 Dicembre 2020
6° MODULO Dina Tommasi  23 – 24 Gennaio 2021
7° MODULO Dina Tommasi 13 – 14 Marzo 2021
8° MODULO Dina Tommasi 1 – 2 Maggio 2021
9° MODULO Dina Tommasi 19 – 20 Giugno 2021
10° MODULO facoltativo Dina Tommasi

30 - 31 Ottobre 2021


Sconti e modalità

 

Gli allievi usufruiranno inoltre di uno sconto del 20% sulla partecipazione agli incontri di Costellazioni familiari extra formazione tenuti da Dina Tommasi, per tutta la durata del percorso da essi frequentato.


Attestato di partecipazione

 

Al termine del training sarà  rilasciato un  attestato di partecipazione a tutti gli  allievi che abbiano frequentato tutto il monte ore del corso e siano in regola con i pagamenti.

 


Programma del corso di costellazione familiari e sistemiche*

Parti didattiche e pratiche divise per moduli

N° MODULO PARTE DIDATTICA  
 1° MODULO
  • Introduzione alle Costellazioni familiari: storia, cosa sono, a cosa servono.
  • La prospettiva sistemica nel lavoro con le Costellazioni familiari.
  • Le diverse coscienze. I neuroni a specchio, il campo morfogenetico.
  • Bert Hellinger: gli Ordini dell’amore.
  • Cos’è l’irretimento.
  • La famiglia d’origine.
 
N° MODULO PARTE ESPERENZIALE  
 1° MODULO

Esercizi a gruppi 

  • Costellazioni: Io e la mia famiglia d’origine.
  • Laboratorio: Sentire il proprio corpo mentre si è nel ruolo di facilitatore.
 
N° MODULO PARTE DIDATTICA  
 2° MODULO
  • La famiglia attuale e le relazioni di coppia.
  • Famiglie di primo, secondo e terzo matrimonio. Convivenze.
  • Relazioni extraconiugali.
  • Differenze di razza, culture e religione nelle coppie.
  • Omosessualità.
 
N° MODULO PARTE ESPERENZIALE  
 2° MODULO

Esercizi a gruppi 

  • Costellazioni: la mia famiglia attuale.
  • Laboratorio: I nostri partner precedenti.
  • Visione di un film.
 
N° MODULO PARTE DIDATTICA  
 3° MODULO
  • Rapporti tra genitori e figli.
  • Adozioni, fecondazione assistita, maternità surrogate.
  • I diversi sentimenti.
  • Legame, legame mancato e movimento interrotto.
 
N° MODULO PARTE ESPERENZIALE  
 3° MODULO

Esercizi a gruppi 

  • Costellazioni: Mio padre, mia madre ed io.
  • Laboratorio: movimento interrotto.
  • Visione di un film.
 
N° MODULO PARTE DIDATTICA  
 4° MODULO
  • Le dinamiche delle malattie nelle Costellazioni familiari.
  • Malattie, sintomi, dipendenze, interventi chirurgici, coma.
  • Cenni di anatomia e funzioni del sistema nervoso centrale e autonomo.
  • Integrare le componenti traumatizzate nel lavoro con le Costellazioni familiari.
  • La psiche e le sue scissioni.
  • Il trauma della simbiosi e la dinamica Vittima - aggressore.
  • La Guerra.
  • La Morte.
 
N° MODULO PARTE ESPERENZIALE  
 4° MODULO

Esercizi a gruppi 

  • Costellazioni: sintomi e malattie.
  • Laboratorio: visione di un film.
 
N° MODULO PARTE DIDATTICA - ROSALBA LAURORA  
 5° MODULO
  • Significato del proprio Genogramma e come si costruisce.
  • Le Carte dei Nat: cosa sono, loro significato e come si usano.
  • L’uso delle Carte dei NAT nelle rappresentazioni delle Costellazioni familiari.
  • Introduzione alle Costellazioni immaginali.
 
N° MODULO PARTE ESPERENZIALE  
 5° MODULO

Esercizi a gruppi 

  • Costruire il proprio genogramma.
  • Costellazioni familiari con l'uso delle Carte dei Nat.
  • Laboratorio Costellazioni sul proprio Genogramma
 
N° MODULO PARTE DIDATTICA  
 6° MODULO

Test di verifica degli argomenti trattati (1-5).

  • Gli ordini dell’aiuto.
  • Gli ordini del successo.
  • Il denaro.
  • Eredità.
  • L’impiego delle costellazioni nelle organizzazioni aziendali.
  • Le costellazioni aziendali.
 
N° MODULO PARTE ESPERENZIALE  
 6° MODULO

Esercizi a gruppi 

  • Costellazioni familiari per le aziende
  • Costellazioni familiari nell'ambito del lavorativo.
 
N° MODULO PARTE DIDATTICA  
 7° MODULO
  • Il lavoro individuale con le costellazioni familiari.
  • Cosa è importante nel primo colloquio/rapporto con il cliente.
  • Lavorare con incontri individuali.
  • Prima delle Costellazioni familiari individuali: la Familienbrett.
  • Nascita del lavoro individuale con le Costellazioni familiari.
  • Le varie tecniche di lavoro.
  • Errori che si possono commettere
  • Limiti e vantaggi del lavoro individuale.
  • Le diverse modalità di lavoro in individuale: playmobil, fogli, spazio libero, visualizzazioni.
  • Il Codice etico deontologico.
 
N° MODULO PARTE ESPERENZIALE  
 7° MODULO

Esercizi a gruppi 

  • Condurre lavori individuali con le varie tecniche.
  • Io e le Costellazioni familiari
  • Laboratorio: Condurre una Costellazione familiare.
 
N° MODULO PARTE DIDATTICA  
 8° MODULO
  • Lo sciamanesimo, la visione del mondo e il suo uso all’ interno delle costellazioni familiari.
  • Mettere in scena i sogni: varie tecniche.
  • Uso del canto e di altri strumenti sciamanici.
  • Reincarnazione e karma.
  • La prospettiva delle Costellazioni familiari nel lavoro con i bambini.

 
N° MODULO PARTE ESPERENZIALE  
 8° MODULO

Esercizi a gruppi 

  • Costellazioni familiari a tema.
  • Laboratorio: pratica costellazioni familiari e supervisione.
 
N° MODULO PARTE DIDATTICA  
 9° MODULO

Test di verifica degli argomenti trattati (1-8).

  • Condurre una Costellazione familiare: ogni partecipante farà esperienza di condurre una Costellazione familiare.
  • Supervisioni.
  • Il Bardo (iniziazione).
  • Chiusura e consegna attestati
 
N° MODULO

PARTE DIDATTICA - MODULO DI SUPERVISIONE 

 
10° MODULO facoltativo
  • Supervisioni personali e  conduzioni di costellazioni a tema. 

 

  • Verifiche  su temi personali
 

*Gli argomenti potranno variare o essere scambiati tra loro a seconda dell’andamento del gruppo.


Download
Scarica il modulo di iscrizione al corso di formazione base in costellazioni familiari (PDF)
MODULO DI ISCRIZIONE 4° edizione.pdf
Documento Adobe Acrobat 320.8 KB
Download
Scarica il modulo di iscrizione al corso di formazione base in costellazioni familiari (DOC)
MODULO DI ISCRIZIONE.docx
Documento Microsoft Word 125.3 KB


RESPONSABILE DIDATTICO

Responsabile del Training di Formazione in Costellazioni familiari e sistemiche: Dott. Dina Tommasi


I DOCENTI DEL CORSO DI FORMAZIONE IN COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE

DINA TOMMASI - BIOGRAFIA

RESPONSABILE DEL PROGETTO DI FORMAZIONE IN COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE

 

Laureata in Filosofia all’Università degli Studi di Verona nel 1997.

 

Da sempre mi sono interessata alla sfera dello Spirito e della crescita personale approfondendo questi temi attraverso la Psicologia Junghiana e l’Astrologia.

 

In questo percorso incontro il mondo delle Costellazioni Familiari Sistemiche di Bert Hellinger e ne rimango profondamente colpita ritenendole una metodologia straordinaria per sciogliere i blocchi che ostacolano l’individuo nel corso della vita attraverso la riconciliazione con le proprie radici.

 

Mi formo con la Dr.ssa Jutta Ten Herkel (psicoterapeuta con formazione Gestaltica), il Prof.Dr. Franz Ruppert (docente presso l’università di Monaco e ideatore delle Costellazioni della Meta) e la Dr.ssa Marianne von Griecke (autrice del libro “Tu sei uno di Noi”).

 

Proseguo il mio percorso formativo frequentando le Costellazioni Rituali®, Sciamanismo e Risoluzione dei traumi con il Dr. Marco Massignan ed Elena dell’Orto. 

 

Approfondisco la mia ricerca attraverso il percorso di “Sound Healing: l’arte sacra del suono e della voce” e partecipando a diverse cerimonie e percorsi con uomini e donne di medicina di tradizione amazzonica.

 

Sono Somatic Experiencing® Practitioner, metodo naturale di lavoro psico-fisiologico basato sulle ricerche del Dott. Peter Levine sulla natura dello stress e del trauma basata sull’osservazione degli animali.  Somatic Experiencing® è riconosciuta e supportata dalla comunità scientifica internazionale e sta diffondendosi nel mondo ovunque necessiti aiuto, sostegno e trasformazione.

 

Nel Maggio del 2018 ho completato i 4 cicli della Ricerca della Visione secondo la tradizione del Fuoco Sacro di Itzachilatlan a Valencia in Spagna.

 

Attualmente sono in formazione alla Scuola per Operatori Olistici del Suono  di “Rinascere nel suono” del Maestro Giovanni Casanova.

 

Nella mia continua ricerca, propongo anche la messa in scena del sogno, nella profonda convinzione che esso sia il mezzo privilegiato attraverso cui l’inconscio si rivela e il tema delle fiabe come programma di vita segreto.

 

PAOLA BIATO - BIOGRAFIA

COUNSELOR OLISTICA SUPERVISORE 

 

Dal 1990 al 2004 si forma come Operatrice per l’infanzia, Animatrice di comunità, educatrice allo sviluppo e all’interculturalità, ludotecaria.

E’ Counselor Professionale ASPIC e dal 2003 si occupa di percorsi di evoluzione, crescita personale e consapevolezza.

 

E’ specializzata in ART COUNSELING e COUNSELING espressivo e simbolico, COUNSELING SISTEMICO (Bert Hellinger), COSTELLAZIONI ARCHETIPICHE E IMMAGINALI (formatrice scuola Nonterapia® di Willam Selene Calloni , approccio Psico-funzionale corporeo (W:Reich).

 

Ideatrice della formazione in Costellazioni sistemiche integrate (Hellinger, Jodorowsky, Hillman).

Ha approfondito studi con A.Jodorowsky, Bert Hellinger e Carl Peter Strommer.

 

Con Selene Williams Calloni, collaboratrice di J.Hillman, ha approfondito le Costellazioni immaginali, la Psicogenealogia, lo sciamanesimo.

Praticante di Theta Healing Focusing e tecniche di psicologia energetica, immaginazione creativa, potenziamento delle risorse personali

Istruttrice di Tai-ji-Quan, Qi Gong si è formata alla Scuola Internazionale YMAA di Boston del Maestro Yan G Jwing Ming di Taiwan.

 

Svolge attività di progettazione e formazione.

Organizzatrice di convegni ed eventi socio culturali (Bambini e iperattività, Costellazioni familiari, Arti per il benessere).

Studiosa e ricercatrice di musica, tradizioni popolari e fiabe del mondo.

 

Nel  1997 crea i “Tarocchi fiabeschi”  22 immagini archetipiche che utilizza nei gruppi di evoluzione e crescita personale, nel Counseling individuale per la scrittura e il racconto creativo e come “oracolo” per una lettura archetipica e trans personale.

 

Ideatrice del metodo “PSICOFIABA” E AUTRICE DEL LIBRO “Tarocchi fiabeschi e Psicofiabe”, Metodologie e strumenti per il Counseling espressivo, simbolico, archetipico e immaginale – Verdechiaro ediz.

 

Per approfondimenti:

https://costellazioniintegrate.jimdo.com/

https://psicofiaba.jimdo.com/

 

 

DOTT. MARCO BRAZZO

 

Marco Modesto Brazzo è nato a Bolzano e vive a Rovereto (in provincia di Trento.

Si è diplomato all'istituto tecnico per Geometri. E' stato giocatore e Allenatore di volley.

Diplomato all'Università di Bologna in Educazione fisica e abilitato all'insegnamento nella Scuola media inferiore e superiore.

Ha conseguito i diplomi di Allenatore di Pesistica (coni - FILPI), di Insegnante di ginnastica aerobica (coni - fiefs), di Istruttore di avviamento allo sport (CONI - CAS) e di Allenatore effettivo Naz. e Docente federale provinciale per la formazione degli Allenatori di Volley (CONI - FIPAV). Si è iscritto all'Albo Nazionale dei Chinesiologi (UNC) nel 1984 e si è specializzato in Riflessologia plantare e Massaggio Connettivale Reflessogeno (BGM).

Diplomato nel 1992 in MEDICINA OSTEOPATICA C.O. presso l'Accademia Italiana di Osteopatia, specializzandosi inoltre in Bendaggio Funzionale e Catene Miotensive (terapia Corporea Globale "Mézières").

Laureato all' Università "Claude Bernard" di Lione (Francia) in Scienze e tecniche delle Attività fisiche e sportive, con la specializzazione in Attività fisica adattata per i portatori di handicap.

 

Si è formato come Consulente nelle Cinque Leggi Biologiche scoperte dal Dott. R. G. HAMER presso la Scuola professionale 5LB.

 

MONIKA CALLEGARO

Cantante, insegnante di vocalità, diplomata in musicoterapia

 

Canto da quando ero bambina e la voce e il canto sono, da sempre,  temi fondamentali nella mia storia.


Ho cominciato a partecipare a diverse manifestazioni canore all’età di quattro anni e durante il periodo delle scuole medie ho studiato pianoforte presso il Conservatorio “C. Monteverdi” di Bolzano.
Dal 1984 ad oggi ho partecipato e mi sono esibita in numerose formazioni musicali di vario genere, sia come solista che come corista (ad es. “La Stanza”, “Swinging Sisters”, “Bakiba”, varie formazioni jazz e di musica brasiliana e galiziana, in duo con il chitarrista Federico De Zorzi,  con il chitarrista Manuel Mazzocchi, con il pianista Michele Giro, con il musicista Benno Simma e la Lovetown Band), collaborando con molti musicisti locali . Ho partecipato a registrazioni in studio come turnista, a trasmissioni televisive (ad es. “Gran premio” condotto da Pippo Baudo su Rai 1, “Jeans” condotto da Fabio Fazio su Rai3) e a musical. Ho partecipato inoltre a spettacoli teatrali, tra cui “Come un fiume” e “Suoni di Donne”, scritti e diretti da Flora Sarrubbo.

Ho studiato canto moderno nel 1984 con il maestro Arturo Testa presso la Nuova Accademia Nuova Milano Musica (Milano) e ho partecipato a numerosi stage di vocalità (condotti da Laura Fedele, Laura Facci, James Moore, Elisabeth Howard, Anna Maria Civico, Claudia Pastorino, Gustavo Frigerio e altri) e di animazione musicale.


Nel 1994 ho fondato e condiviso fino al 2016, insieme ad Alessandra Amaddii e a Sandra Montagnana, il gruppo musicale S.A.M.Session. Sempre dal 1994 e fino a giugno 2006 ho insegnato vocalità ecanto moderno presso l’Agenzia di Ed ucazione Permanente Cesfor di Bolzano. Dall’ottobre 2006 all’agosto 2015 ho collaborato come insegnante di canto con l’Associazione Culturale “MusicaBlu” di Bolzano.

In qualità insegnante di canto moderno sono stata iscritta all’Albo Docenti di Educazione Permanente della Provincia Autonoma di Bolzano fino al 2015.

Il mio personale interesse per il mondo del suono e della musica e la mia permanente ricerca sulla voce come fondamentale risorsa umana mi hanno portato verso lo studio della musicoterapia e nel febbraio del 2004, presentando la tesi “La voce, il canto. Alla ricerca del proprio suono”, ho conseguito il diploma in musicoterapia al termine del corso triennale di formazione curato da Roberto Ghiozzi, presso il Cesfor di Bolzano.

Nel maggio 2006 ho conseguito il brevetto come insegnante del “Vocal Power Method”® di Elisabeth Howard-Los Angeles.
Ho insegnato  vocalità presso “L’Accademia del Clown” di Fiè condotta da Sigrid Seeberich e Ahmet Avkiran ( Clown Karamela e Clown Shokola).

Ho condotto  e conduco laboratori sulla voce come risorsa nelle scuole superiori, presso associazioni e scuole di canto in regione e fuori regione.
Da novembre 2015 lavoro sul canto e la vocalità in sessioni individuali con il mio progetto “Liberavoce” a Bolzano, o dove mi porta la vita.
Seguo costantemente un percorso di crescita e aggiornamento, sul metodo funzionale della voce di Gisela Rohmert del Lichtenberger Institut con i docenti Luciana Del Col, Luciano Borin e Pierluigi Molinaro .  Ho concluso a maggio 2019 un Percorso di Formazione Biennale in Costellazioni Familiari e Sistemiche con Dina Tommasi, percorso in cui mi sto ulteriormente specializzando. Frequento aggiornamenti e laboratori sulla musicoterapia, sulla canto/voceterapia e tutto quello che riguarda la voce , il canto e la crescita personale.

Nel  2016 e 2017 ho collaborato  alla trasmissione radiofonica  “La Musica Che Gira Intorno”, incentrata sulla creatività musicale originale del nostro territorio, creata e condotta da Luca Sticcotti , in onda prima sulle frequenze regionali  per il Trentino Alto Adige di Rai Radio 2 e poi di Rai Radio 1 , assumendone poi la conduzione dal 2018 ad oggi.

 “La Voce e il Canto sono risorse umane dalle molteplici proprietà e possibilità. Chi intraprende un percorso attraverso la Voce e il Canto torna a se stesso.” 

 

GIOVANNI CASANOVA

Sound Master, Counselor olistico e musico-terapeuta. Maestro di coro. Responsabile della formazione per Operatori Olistici del Suono di Milano www.rinascerenelsuono.it

 

Sono nato nel Suono grazie alla voce di mio padre che mi cantava fin da prima di nascere.

La mia vita è stata, ed è tuttora, una continua ricerca nel Suono e nella Musica. 
Ho iniziato tanti anni fa a dirigere cori polifonici e ancora continuo ma, fin dai tempi del diploma in Conservatorio, sentivo che la mia missione mi spingeva continuamente oltre. 
E mentre passavano gli anni ho attraversato il mondo del teatro, della scuola, ho cercato di insegnare una musica diversa a bambini e adolescenti di tante generazioni, ho incontrato la disabilità, la vecchiaia, la follia, il disagio cercando di portare serenità grazie alla musicoterapia e al counseling  fino a quando mi è giunta l’intuizione di accostarmi alle vibrazioni sonore del mondo pre-natale. Una piccola scintilla che ha acceso un grande fuoco che da allora porto con me: il grande viaggio a ritroso nel tempo alla ricerca delle mie antiche radici di Essere Suono ha generato l’incontro amorevole con i miei Maestri e le radici hanno messo le ali.

 

Nella mia etica e visione professionale considero centrale una nuova cultura della vitalità e il ruolo chiave del dialogo suono-vibrazionale con la nostra parte non visibile, con la nostra anima: un incontro energetico-trasformativo con l’essenza più profonda che, grazie alle vibrazioni del Suono e all’intenzione pura di chi opera e di chi riceve, è in grado di suggerire un nuovo cammino per risanare in chiave “non patologizzante” le ferite e intraprendere insieme al corpo un percorso di autoguarigione. Per questo stento a riconoscermi in parole come terapia, suonoterapia, musicoterapia, sebbene la mia formazione in questi campi sia stata molto ampia e profonda. Leggo nel termine “terapia” intesa come somministrazione di trattamenti per combattere la “malattia” una visione anestetizzante e lontana dalla missione del Suono: quella di guidare donne e uomini a ri-contattare la propria essenza profonda, creatività e generativa: le frequenze, i suoni armonici, gli intervalli, la voce, i diapason, i gong, le campane tibetane e di quarzo, etc. per me sono doni che, prima ancora di prendersi cura del corpo, si occupano della cura dell’anima.

 

Mi sono formato con Insegnanti conosciuti in tutto il mondo e con umili Maestri, con loro ho appreso l’arte delle campane tibetane e sciamaniche, dei diapason, del gong, delle campane di quarzo, del tamburo sciamanico e altri strumenti ancestrali: A.Rabenstein, T. Sonam, Don Conreaux, P. Goldman, R.  Benenzon, C. Barrios, L. Jannarone, E. Magni e molti altri…  
Il mio strumento privilegiato è però la voce con la quale lavoro da più di 30 anni in continua formazione con innumerevoli Maestri tra i quali gli insegnanti di Lichtenberg del Metodo Funzionale di G. Rohmert, i miei insegnanti di Conservatorio, R. Laneri…  
Sono un professionista ai sensi della legge 4/2013 e Responsabile della 
 Formazione per Operatori Olistici del Suono di Milano - Rinascere nel Suono. e insegno ai miei allievi come prendersi cura delle persone attraverso le vibrazioni sonore. 
Sono diplomato in Conservatorio in Direzione Corale, Sound Master, suono-musicoterapeuta (Reg. Artiterapie SIAF -O052T-AR Trainer) counselor olistico trainer (Registro SIAF-LO529T-CO)

Il mio studio si trova a Milano in via Rombon 41, c/o Villa Busca Serbelloni, info@giovannicasanova.it 

 

COLLABORAZIONE: Seminario di approfondimento Training di formazione base in Costellazioni familiari e sistemiche "Costellazioni familiari con l'uso della voce, strumenti e vibrazioni sonore"

 

 

DR. STEFANO CATTINELLI 

Medico veterinario - diplomato in Omeopatia veterinaria unicista nel 1997 - studioso di Antroposofia di Rudolf Steiner, kinesiologo.

 

Direttore del percorso di Dinamica Emozionale Uomo-Animale-Uomo a Treviso www.impronteconlanima.it

Si occupa di Costellazioni Sistemico Familiari per fli Anima-li

Direttore scientifico della collana "Qua la zampa" per Macro edizioni.

Fondatore della Veterinaria Sistemica Famigliare (V.S.F.)

Ideatore del progetto Armonie Animali www.armonieanimali.com

Autore di numerosi articoli e libri

 

Visita a Treviso, Trieste, Udine e Volano (Trento)

 

http://www.stefanocattinelli.it/

 

CARMELO GIACCHINO NOEGO - MUSICISTA, EDUCATORE

 

* Musicista dal 1986 con varie esperienze in Band musicali e progetti, ultimo progetto realizzazione di un cd: “Pneuma” nel 2018 con Petra Dotti “Giardini di Pietra” 
* Tecnico del suono Live e in Studio dal 1995
* Primo livello dì Pranic Healing
* Qualifica in Operatore in arti grafiche 
* Marito e padre di 4 figli
* Frequentato vari workshop con:
Piergiorgio Caselli, Erika Poli, Igor Sibaldi, Giacomo Della Giacoma, Ollinatl Contreras, 
* Corso di creatività con Hubert Jaoui

Mi occupo di educazione (educere=portare fuori) da più di 15 anni presso il centro di cultura giovanile Nologo in Laives, nella veste di animatore e tecnico/produttore di suono/musica.
Da sempre le mie ricerche e quindi letture ed esperienze sono rivolte alla ricerca nell’ambito esistenziale e terapeutico.
Nel 2013 l’incontro con le costellazioni familiari sistemiche da qui scopro sul campo la sua forza/potenza ri-conciliante. Questo incontro fa sì che con mia moglie Karin Delaiti intraprendiamo un percorso di coscienza/consapevolezza e risoluzione dei traumi, grazie a più persone: 
* Beatrice Calamari, 
* Francesco e Monica Sbardellati 
* Marco Massignan e Elena Dell’Orto
* Carla Zappella con il recupero dell’anima 
* Dina Tommasi

 

Con quest’ultima dal 2016 la collaborazione si è intensificata prima attraverso l’organizzazione di serate e giornate di costellazioni familiari sistemiche poi dal gennaio 2017 Dina mi ha seguito come tutor nei miei primi passi come facilitatore/Costellatore nei cerchi da me organizzati presso il centro di cultura giovanile Nologo una volta al mese. 
Da settembre 2017 collaboro come assistente ad un corso sviluppato e messo in opera dalla stessa Dina Tommasi in Costellazioni familiari sistemiche nel frattempo frequento e concludo la formazione di primo livello in Costellazioni Rituali con Marco Massignan ed Elena dell’Orto, (da febbraio 2019 sarò allievo del secondo anno in “risoluzione dei traumi”).

 

 

ROSALBA LAURORA  - BIOGRAFIA

 

5° MODULO DEL TRAINING – Genogramma, Carte dei Nat, Introduzione alle Costellazioni immaginali.

Diploma di scuola secondaria – Attestato di Formazione in Costellazioni familiari – Attestato 1° e 2° livello Pranic Healing – Attestato Facilitatore in Pscicogenealogia e Costellazioni familiari ad approccio immaginale – Attestato di custode del Mantra Madre – Attestato di formazione per l’utilizzo delle Carte dei Nat - 

 

Andare verso il nuovo e vivere diverse conoscenze, insolite esperienze è quello che accompagna da sempre la mia vita. Il mio vivere la vita mi ha portato ad interessi sempre maggiori con il passare degli anni e con l’acquisizione di studi, letture e corsi, preferendo ciò che di sottile e invisibile incontravo sul cammino.

 

Ho amato nella scoperta il mondo delle energie sottili e l’invisibile attraverso il PRANIC HEALING, insegnamento di Master Choa Kok Sui, frequentando i corsi dei vari livelli presso il Centro The Inner Sciences di Milano, tecnica di proiezione dell’energia KI o Prana colore, senza contatto fisico.

 

Mi sono arricchita di quanto nell’universo esiste da sempre imparando quanto il nostro corpo è capace di dare e ricevere partecipando ai seminari “Monroe Institute Hemi Sync” attraverso la tecnologia dell’ascolto ideata, per attivare la sincronizzazione degli emisferi cerebrali, consentendo di raggiungere profondi stati meditativi di concentrazione e consapevolezza.

 

Mi formo in COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE con la Dr.ssa Jutta Ten Herkel (psicoterapeuta e insegnante del metodo di Bert Hellinger) con la Dr.ssa Marianne Franke Gricksch e con il Prof. Franz Ruppert (docente presso l’Università di Monaco e creatore delle Costellazioni dell Meta e del trauma).

 

Le immagini che attraversano il mio attuale vivere mi hanno portato a innamorarmi di un nuovo cammino, nel quale mi trovo immersa come realizzazione finale del senso, nel quale tutti gli esseri umani, da sempre, ricercano nella vita e ho sperimentato una nuova e antica conoscenza del Mito e del Rito attraverso la PSICOGENEALOGIA e le COSTELLAZIONI AD APPROCCIO IMMAGINALE con Selene Williams Calloni, un percorso ricco di cultura e tradizione, che raccoglie il pensiero filosofico e psicologico di C.G.Jung e James Hillman.

 

Questo approccio mi porta ancor più ad aprirmi alle CARTE DEI NAT, i Signori della Natura, rappresentanti del mondo sotto il mondo, dell’anima selvaggia, dell’Io istintuale dei sogni degli avi, con questo nuovo e potente amore per l’ecologia del profondo e il diritto alla gioia.

 

Completo anche la formazione del MANTA MADRE sempre con Selene Williams Calloni il grande mezzo del riassorbimento del reale dove, attraverso la medisimezza si arriva al perfetto equilibrio degli opposti, dove Tutto è Uno con il Tutto.

 

 

LUCIA NONES

Infermiera, naturopata, numerologa, insegnante Kinaesthetics II.Livello

 

Sono Lucia e da sempre ho la passione e la curiosità di sondare l'animo umano, di ricercare, di conoscere e di apprendere e comprendere questo passaggio terreno per vivere e condividere  con gli altri questa meravigliosa esperienza.

Questo mi ha portato ad avvicinarmi a percorsi esistenziali per la  mia crescita personale  e per l'apprendimento di visioni complementari a ciò che è anche il mio percorso lavorativo.

 

Sono infermiera dal 1981 ho lavorato fino al 1994 in ambiente ospedaliero, decidendo poi  di avvicinarmi all'assistenza territoriale dove attualmente sono Infermiera di famiglia. Ho avuto la possibilità di frequentare corsi e formazioni che riguardano la comunicazione, l'ascolto attivo, la relazione d'aiuto. Mi sono formata presso la Scuola di "Riflessologia ai piedi" di Hanne Marquardt, potendo integrare questo approccio nel mio lavoro.

 

Per divenire consapevole e competente nella percezione del movimento e per poter essere di risorsa e aiuto alle persone bisognose, mi formo come Insegnante Kinaesthetics nell’Assistenza    e nell’ Assitenza inFamiglia.

 

Conduco corsi per la popolazione di autogestione delle malattie croniche e del diabete.

 

Ho frequentato  l'Istituto di Medicina Naturale di Urbino  e mi sono diplomata nel 2002 come Naturopata. Nel 2003 ho partecipato a un Seminario di Auricoloterapia.

 

Ho seguito, a Torino,  corsi e seminari di psicogenealogia e di psicosomatica,  con Jean Claude Badard; di decodificazione biologica con Eduard Van de Bogaert; di lettura dei Tarocchi di Marsiglia con Justine de Nantes allieva di Sabbah, Jodorowski, Athias  e con Maurizio Callegari.

 

Ho frequentato a Bressanone i seminari di Dynamic Mindgate 1. e 2. Livello.

 

A Trieste ho conseguito il I. livello. di Operatrice di Reiki R.A.U. e a Laives ho appreso il 

Metodo Exotropic Mind con Fabio Marchesi.

 

Nel 2004 ho partecipato al corso: “La lettura morfologica della mano “con il dott. D. Schoenemann.

 

Da sempre ho la passione per la numerologia, " linguaggio che è universale", ciò mi ha spinto a intraprendere quest’arte    frequentando il I. e il II. livello di Numerologia Onomantica  con Angela Rech.

Ho partecipato al Corso di Numerologia dell'Anima con Diego Salvalajo e il Corso di Tarocchi di Enoil Gavat.

 

Dal 2013 mi approccio alle Costellazioni Familiari Sistemiche, e trovo in esse un linguaggio capace di attivare una presa di coscienza e risolvere le più differenti problematiche della vita.

Ho completato il Training di formazione base in Costellazioni Familiari e Sistemiche condotto da Dina Tommasi e con lei collaboro  come assistente nelle nuove edizioni di Training.

 

 

“Amo aprire la via ad altre visioni, a nuovi modi di pensare, ispirare gli altri, riportando armonia ed elevando le coscienze”.

 

ING. GIUSEPPE PERROTTA - LIBERO RICERCATORE

 

Giuseppe Perrotta consegue la Laurea in Ingegneria meccanica nel 1984 ed inizia la sua carriera come Project Manager in alcuni Paesi in via di sviluppo, dove  si occupa di attività relative alla formazione tecnica di giovani da avviare alla manutenzione e riparazione di macchine agricole. Rimane per circa una decina d’anni in Africa e rientra in Italia nel 1992 a causa della prima guerra del Golfo.

Riprende la sua attività in Italia  presso alcune importanti multinazionali del settore Automotive Vetture , Veicoli Industriali  e del Petrolio,  dove ricopre ruoli  manageriali, ed acquisisce nuove  competenze nel   settore del marketing e della comunicazione presso la London  Kellogg School of Management  University.

Approfondisce le dinamiche della comunicazione attraverso la   Programmazione Neuro Linguistica ed ottiene il Business Practitioner Certificate.

Ha partecipato a corsi sull’ Enneagramma tenuti da Maurizio Cusani presso Istituto RIZA.

 

 

Tieni corsi sulla gestione della comunicazione presso Aziende del settore Automotive ed Istituti Tecnici Industriali. Da alcuni anni, ha iniziato ad occuparsi delle azioni terapeutiche che le vibrazioni delle campane tibetane portano all’ interno del corpo umano e le utilizza durante i suoi corsi di formazione sulla comunicazione. 

 

MAURO TRENTINI LIBERO RICERCATORE - TAROLOGO

Uno scettico (da skeptikos: colui che considera, esamina, riflette, ricerca) al servizio della Vita.

Appassionato di temi legati all’esoterismo fin da piccolo cerca dapprima risposte nella cultura cristiana exoterica nella quale viene cresciuto, ma ufo e misteri atlantidei s’affiancano alle sue ricerche sugl’angeli di bambino non ancora decenne; infastidisce e molesta insegnanti di ogni tipo al fine di saziare la sua morbosa curiosità ed autonomamente conduce le proprie ricerche su testi che spaziano dalla psicologia all’antropologia, dalla filosofia alla teologia, dallo scientifico allo spirituale, dal poetico all’analitico.

Durante gl’anni di studi universitari di chimica si mantiene in contatto con la S.I.S.S.C. (società italiana per lo studio degli stati di coscienza), approfondisce sugli scritti di Castaneda e di sciamanismo (prevalentemente centroamericano), scrive su fanzine recensioni di letteratura fantascientifica e poesie, conduce programmi radio sperimentali nella sua città ed in Padova; per oltre 10 anni speaker e direttore della sezione musicale in radio è tutt’ora attivo come dj nei locali.

Consegue il diploma europeo di tecnico di valutazioni impatti ambientali e trascorre lunghi ritiri nell’eremo camaldolese di Rocca San Giorgio approfondendo la tecnica della “Lectio Divina” sotto la guida del priore del Sacro Eremo Padre Franco Mosconi fino agl’inizi degl’anni duemila. Organizzatore e promotore d’eventi musicali, artistici e culturali da sempre, intraprende in modo professionale quello che la propria vocazione lo chiama a svolgere come animatore presso realtà principalmente giovanili.

Attualmente presidente della cooperativa sociale onlus Arcoop propone, insieme ad uno staff parimenti motivato e preparato, percorsi volti all’emancipazione umana, al miglioramento delle relazioni, alla ricerca di senso, alla consapevolezza, alla pace, alla cooperazione, al perseguimento d’uno standard di benessere ed equilibrio superiori, allo sviluppo d’uno stile di vita integrato (mission).

Studente di arti marziali per un decennio è terapeuta in Pranic Healing con attestati di specifica internazionale: base, avanzato, psichico, cristalli, arhatic, autodifesa psichica, Kriya Shakti, meditazione sul “Padre nostro” cabalistico, unione con l’anima superiore.

Per approfondire ed espandere la conoscenza delle proprie manifestazioni e quelle dell’essere umano in genere, si diletta in studi di cabala e frequenta corsi e seminari con Hadar Nadav Crivelli e Marco Cestari.

Segue appena può workshop e seminari di svariato genere (Piergiorgio Caselli, Erika Poli, Igor Sibaldi, Giacomo Dellagiacoma, Maurizio Parmigiani, Hector Ramoss, Ollinatl Contreras, Alberto Severi, Salvatore Brizzi, Marco Bragadin, Maurizio Callegari).

Al fine di migliorare la propria comprensione delle leggi dei campi morfogenetici sta frequentando un corso biennale in costellazioni famigliari con Dina Tommasi.

 

 

Coltiva la propria comprensione dei tarocchi (in particolare quelli classici marsigliesi) che intende come rappresentazione delle energie archetipiche e mirabile codice iniziatico (si recepisce quindi quale tarologo, NON cartomante); appassionato d’ermetismo cristiano, mai pago, ne sonda gl’inesauribili tesori connettendoli con le spiritualità, apparentemente diverse, di questo meraviglioso pianeta.

 

 

DOTT. FRANCESCO SBARDELLATI PSICOLOGO-PSICOTERAPEUTA - EDUCATORE

 

-Dal 05/03/1992 lavora come educatore, qualifica 7° livello presso l’Associazione Provinciale per i Problemi dei Minori. Dal 01/01/1997 svolge attività di coordinatore del gruppo di Povo. In questa sede matura esperienza nel lavoro diretto con i ragazzi, affrontando quotidianamente problemi di aggressività, iperattività, deficit di attenzione, e altre problematiche tipiche della pubertà e della adolescenza. In questo periodo vengono affinate anche le capacità educative. Il 23/09/1999 decide di licenziarsi per dedicarsi a tempo pieno alla consulenza psicologica.

-Dal 1995 al 1999 lavora come psicologo sotto la supervisione della dott.ssa Rolandi e il dott. Nisi di Verona 

-Dal 24/09/1999 svolge attività di consulenza psicologica sotto la supervisione del Prof. Alberti Lino e del Dott. M. Di Pietro.

Queste supervisioni gli consentono di maturare una certa esperienza in particolar modo nei disturbi derivanti da ansia, paura, attacchi di panico, distorsioni cognitive, idee irrazionali, disturbi comportamentali, problemi relativi all’assertività, depressione, disturbi dell’umore.

Nel 2000 svolge attività di consulenza e supervisione presso il Club Noi (Associazione che accoglie ragazzi)

Dal 2001 lavora come docente di psicologia presso l’Università della Terza Età e del Tempo Disponibile.

Negli anni scolastici 2002-03 e 2003-04 lavora come esperto nel progetto Daedalus.

Nell’ anno scolastico 2002-03 progetta e implementa un corso di 20 ore per gli alunni di una V della scuola elementare “Aldo Schmid” dal titolo -Corso di educazione emotiva-.

Dal 2003 collabora con diversi Istituti Comprensivi e Scuole Superiori, con progetti di Spazio Ascolto, prevenzione del fallimento scolastico, corsi di formazione per docenti sui temi dell’assertività e sulla gestione dei comportamenti “problema” nella classe. 

Dal 2002 attiva corsi serali di abilità sociali e assertività.

Dal gennaio 2002 presta attività di volontariato presso la sede trentina dell’Associazione Italiana Celiachia.

Dal 2004 collabora con l’Azienda Sanitaria per l’educazione socio-affettiva-sessuale nelle scuole medie e superiori.

Nel 2009 è socio fondatore di IIDAC Europa -Istituto Internazionale per lo sviluppo della Cittadinanza Europa-

Nel 2010 è formatore, per conto di IIDAC nel progetto PRO YOUTH all’ENAIP Veneto a Calalzo di Cadore. Un progetto per la promozione del protagonismo giovanile.

Nel 2010 è formatore, per conto di IIDAC nel progetto PRO YOUTH presso il Centro Servizi Volontariato di Trento. Un progetto per la promozione dei progetti di volontariato.

Dal 2010 è formatore, per conto di IIDAC nel progetto PRO YOUTH per i ragazzi del Piano Giovani della Val Rendena. Un progetto per la promozione dell’empowermewnt e dei progetti giovanili in valle.

Dal 2012 è socio fondatore di CAPST Centro Aiuto Padri Separati Trentini; inoltre presta opera di volontariato come psicologo presso questa associazione.

Dal 2015 svolge attività di volontariato come psicoterapeuta presso Hands a Bolzano

nell’ ambito delle dipendenze da alcool, farmaci e gioco d’azzardo.

 

 

Dal 2016 al 2018 è insegnate di costellazioni familiari sistemiche della Scuola ALCI

 

MAURO TRENTINI - LIBERO RICERCATORE - TAROLOGO

Uno scettico (da skeptikos: colui che considera, esamina, riflette, ricerca) al servizio della Vita.

Appassionato di temi legati all’esoterismo fin da piccolo cerca dapprima risposte nella cultura cristiana exoterica nella quale viene cresciuto, ma ufo e misteri atlantidei s’affiancano alle sue ricerche sugl’angeli di bambino non ancora decenne; infastidisce e molesta insegnanti di ogni tipo al fine di saziare la sua morbosa curiosità ed autonomamente conduce le proprie ricerche su testi che spaziano dalla psicologia all’antropologia, dalla filosofia alla teologia, dallo scientifico allo spirituale, dal poetico all’analitico.

Durante gl’anni di studi universitari di chimica si mantiene in contatto con la S.I.S.S.C. (società italiana per lo studio degli stati di coscienza), approfondisce sugli scritti di Castaneda e di sciamanismo (prevalentemente centroamericano), scrive su fanzine recensioni di letteratura fantascientifica e poesie, conduce programmi radio sperimentali nella sua città ed in Padova; per oltre 10 anni speaker e direttore della sezione musicale in radio è tutt’ora attivo come dj nei locali.

Consegue il diploma europeo di tecnico di valutazioni impatti ambientali e trascorre lunghi ritiri nell’eremo camaldolese di Rocca San Giorgio approfondendo la tecnica della “Lectio Divina” sotto la guida del priore del Sacro Eremo Padre Franco Mosconi fino agl’inizi degl’anni duemila. Organizzatore e promotore d’eventi musicali, artistici e culturali da sempre, intraprende in modo professionale quello che la propria vocazione lo chiama a svolgere come animatore presso realtà principalmente giovanili.

Attualmente presidente della cooperativa sociale onlus Arcoop propone, insieme ad uno staff parimenti motivato e preparato, percorsi volti all’emancipazione umana, al miglioramento delle relazioni, alla ricerca di senso, alla consapevolezza, alla pace, alla cooperazione, al perseguimento d’uno standard di benessere ed equilibrio superiori, allo sviluppo d’uno stile di vita integrato (mission).

Studente di arti marziali per un decennio è terapeuta in Pranic Healing con attestati di specifica internazionale: base, avanzato, psichico, cristalli, arhatic, autodifesa psichica, Kriya Shakti, meditazione sul “Padre nostro” cabalistico, unione con l’anima superiore.

Per approfondire ed espandere la conoscenza delle proprie manifestazioni e quelle dell’essere umano in genere, si diletta in studi di cabala e frequenta corsi e seminari con Hadar Nadav Crivelli e Marco Cestari.

Segue appena può workshop e seminari di svariato genere (Piergiorgio Caselli, Erika Poli, Igor Sibaldi, Giacomo Dellagiacoma, Maurizio Parmigiani, Hector Ramoss, Ollinatl Contreras, Alberto Severi, Salvatore Brizzi, Marco Bragadin, Maurizio Callegari).

Al fine di migliorare la propria comprensione delle leggi dei campi morfogenetici sta frequentando un corso biennale in costellazioni famigliari con Dina Tommasi.

Coltiva la propria comprensione dei tarocchi (in particolare quelli classici marsigliesi) che intende come rappresentazione delle energie archetipiche e mirabile codice iniziatico (si recepisce quindi quale tarologo, NON cartomante); appassionato d’ermetismo cristiano, mai pago, ne sonda gl’inesauribili tesori connettendoli con le spiritualità, apparentemente diverse, di questo meraviglioso pianeta.

DOTT.SSA CLARA MONACI - ANTROPOLOGA  - BIOGRAFIA

 

Vedi biografia a parte nell’ incontro facoltativo di Costellazioni familiari e capanna sudatoria.

 

DOTT. MASSIMILIANO PALMIERI - PSICOLOGO

Vedi biografia a parte nell’ incontro facoltativo di Costellazioni familiari e capanna sudatoria

 

ROCIO JELDREZ SILVA  - BIOGRAFIA

 

Vedi biografia a parte nell’ incontro facoltativo di Costellazioni familiari e capanna sudatoria

 

 


CODICE ETICO DEONTOLOGICO AMASTI MONDI

Il Codice Etico e Deontologico ha lo scopo di precisare l’etica professionale e le norme a cui il Facilitatore in Costellazioni familiari sistemiche deve attenersi nell’esercizio della propria professione.

 

Il Facilitatore in Costellazioni familiari formato da Amasti mondi si ispira ai principi del Modello Olistico e delle Discipline Bio – naturali, opera attraverso l’approccio globale della persona che considera unità tra corpo, mente, anima e spirito e favorisce la piena espressione della vitalità della persona attraverso l’uso di strumenti naturali.

 

Lo studente, all’ atto dell’ iscrizione è tenuto a sottoscrivere l’accettazione del Codice Etico e deontologico di Amasti mondi.

 

Art. 1 – RISPETTO DEI DIRITTI UNIVERSALI DELL’UOMO E DELL’AMBIENTE

 

Il Facilitatore in Costellazioni familiari sistemiche

  • Rispetta i diritti universali dell’essere umano uomo e le differenze individuali, sessuali, culturali, religiose e sociali.
  • Si impegna al rispetto dell’ambiente e del regno vegetale e animale.
  • Esercita l’accettazione incondizionata del/della cliente, singole persone, coppie, famiglie, gruppi, team, organizzazioni, consapevole delle rispettive specificità individuali, sessuali, religiose, sociali e culturali.

Art. 2 – PRINCIPI ETICI

 

Il Facilitatore in Costellazioni familiari sistemiche fonda la propria professione sui principi etici dell’accoglienza e del rispetto, dell’autenticità e della congruenza, della gentilezza e dell’ascolto, della dignità e responsabilità, della competenza e della saggezza.

Il Facilitatore in Costellazioni familiari sistemiche è professionalmente libero di non collaborare verso obiettivi che contrastino con le proprie convinzioni etiche e con i propri valori, impegnandosi tuttavia a salvaguardare le esigenze del cliente e indirizzandolo verso chi possa aiutarlo.

 

Costituisce illecito deontologico qualunque comportamento che comprometta l’immagine della categoria professionale, costituisca abuso della propria posizione professionale e/o violazione al codice penale.

 

Art. 3 – COMPETENZA E PROFESSIONALITA’

 

Il Facilitatore in Costellazioni familiari sistemiche è tenuto ad operare nel proprio ambito di competenza professionale, a monitorare la propria formazione attraverso un aggiornamento frequente e costante, curando il percorso di Educazione Continua Professionale (ECP), il ricorso alla supervisione e al percorso personale.

 

Il Facilitatore in Costellazioni familiari sistemiche è tenuto a mantenere un livello adeguato di preparazione professionale e ad aggiornarsi nella propria disciplina specificatamente nel settore in cui opera. Riconosce i limiti della propria competenza ed usa, pertanto, solo strumenti e tecniche per i quali ha acquisito adeguata competenza e, ove necessario, formale autorizzazione.

 

Costituisce illecito deontologico fare uso di titoli riservati ad altre categorie professionali, effettuare dichiarazioni mendaci relativi alla propria formazione professionale, fare dichiarazioni mendaci nei confronti di ogni altro tipo di professionista.

 

Art. 4 – RAPPORTI CON IL CLIENTE

 

Il Facilitatore in Costellazioni familiari sistemiche comunica con il cliente proponendosi come agevolatore nella risoluzione dei problemi relazionali intra ed inter-personali, intra ed inter-organizzativi.

 

Il rapporto professionale deve essere definito con chiarezza. Il contratto pattuito con il cliente concerne gli obiettivi, i tempi e il compenso economico.

E’ eticamente e deontologicamente scorretto prolungare l’intervento di consulenza qualora si sia dimostrato inefficace.

 

Art. 5 – PRESA IN CARICA

 

Il Facilitatore in Costellazioni familiari sistemiche ha il compito di accogliere il disagio e ha l’obbligo, se valuta la situazione non di sua competenza, di indirizzare le persone verso gli specifici specialisti.

 

Il Facilitatore in Costellazioni familiari sistemiche ha la discrezionalità di prendere in carico la persona ed ha l’obbligo, nel caso di non accettazione, di fornire il recapito di colleghi professionisti.

 

 

Costituisce illecito deontologico il rifiuto o l’interruzione del rapporto che non siano accompagnati dalle necessarie cautele per evitare disagi alla persona.

 

Art. 6 – CORRETTEZZA PROFESSIONALE

 

E’ eticamente corretto mantenere con i clienti rapporti professionali.

E’ eticamente e deontologicamente scorretto avere rapporti professionali con persone con le quali si abbia un rapporto di parentela o relazioni affettive/sessuali.

 

Art. 7 – SEGRETO PROFESSIONALE

 

Il Facilitatore in Costellazioni familiari sistemiche è tenuto al segreto professionale, salvo i casi previsti dalla legge in vigore.

 

Il Facilitatore in Costellazioni familiari sistemiche che, nell’esercizio della propria professione, venga a conoscenza di qualsiasi forma di sfruttamento e/o violenza su un minore, può decidere di intervenire per contrastarla segnalando la situazione a chi esercita la potestà o a chi di competenza.

 

Le prestazioni professionali a persone minorenni o interdette sono, generalmente, subordinate al consenso di chi esercita sulle medesime la potestà genitoriale o la tutela.

 

Il Facilitatore in Costellazioni familiari sistemiche che, in assenza di consenso informato, giudichi necessario l’intervento professionale nonché l’assoluta riservatezza dello stesso, è tenuto ad informare l’Autorità Tutoria dell’instaurarsi della relazione professionale. Sono fatti salvi i casi in cui tali prestazioni avvengono su ordine dell’autorità legalmente competente o in strutture legislativamente preposte.

 

Art. 8 – PUBBLICAZIONI DIDATTICHE

 

Il Facilitatore in Costellazioni familiari sistemiche potrà, per pubblicazioni scientifiche, didattiche o di ricerca, fatta salva l’impossibilità di identificazione dei soggetti, utilizzare i percorsi realizzati durante le proprie prestazioni professionali.

In ogni caso, i soggetti coinvolti debbono essere messi al corrente delle finalità d’uso del materiale.

 

Art. 9 – RAPPORTI CON I COLLEGHI

 

Il Facilitatore in Costellazioni familiari sistemiche è tenuto a rispettare la professionalità dei colleghi ed a mantenere rapporti basati su lealtà e correttezza.

 

Il Facilitatore in Costellazioni familiari sistemiche promuove e favorisce rapporti di scambio e collaborazione. Può avvalersi dei contributi di altri specialisti, con i quali realizza opportunità di integrazione delle conoscenze, in un’ottica di valorizzazione delle reciproche competenze.

 

Art. 10 – ESERCIZIO DELLA PROPRIA ATTIVITA’ PROFESSIONALE

 

Nell’attività della propria attività professionale, il Facilitatore in Costellazioni familiari sistemiche è tenuto ad uniformare la propria condotta ai principi di decoro e della dignità professionale.

 

Indipendentemente dai limiti posti dalla vigente legislazione italiana in materia di pubblicità, il Facilitatore in Costellazioni familiari sistemiche non assume pubblicamente comportamenti scorretti finalizzati al procacciamento della clientela.

 

In ogni caso può essere svolta pubblicità informativa circa i titoli e le specializzazioni professionali, le caratteristiche del servizio offerto, nonché il prezzo e i costi complessivi delle prestazioni secondo criteri di trasparenza e veridicità del messaggio. Il messaggio deve essere formulato nel rispetto del decoro professionale, conformemente ai criteri di serietà, veridicità ed alla tutela dell’immagine della professione.

 

La mancanza di trasparenza e veridicità del messaggio pubblicizzato costituisce violazione deontologica.

 


CODICE DEONTOLOGICO SIAF ITALIA

 

II Codice Deontologico ha lo scopo di precisare le norme etiche a cui i soci professionisti di SIAF Italia devono attenersi nell’esercizio della propria professione.

Oltre ad essere uno strumento di tutela e di trasparenza dell’Associazione Professionale SIAF Italia, rappresenta al tempo stesso un insieme di indicatori di autoregolamentazione, di identificazione e di appartenenza, per ciascun socio.

 

Art. 1 – Accettazione 

Il socio professionista in possesso dell’attestato di iscrizione a SIAF Italia, si impegna ad accettare e a rispettare lo Statuto dell’Associazione, il Testo Unico dei Regolamenti Interni di SIAF Italia, nonché le norme riportate nel presente Codice Deontologico.

Le regole del presente Codice deontologico sono vincolanti per tutti i soci SIAF Italia. Il socio è tenuto alla loro conoscenza e l’ignoranza delle medesime non esime dalla responsabilità disciplinare.

L’inosservanza delle regole stabilite e comunque ogni azione contraria al decoro, alla dignità ed al corretto esercizio della professione, dà adito a possibili provvedimenti disciplinari secondo quanto previsto dallo Statuto e dal Regolamento Disciplinare di SIAF Italia.

 

Art. 2 – Principi Etici 

Il socio professionista fonda la propria professione sui principi etici dell’accoglienza e del rispetto, dell’autenticità e della congruenza, dell’ascolto e della gentilezza, della dignità e della responsabilità, della competenza e della saggezza.

Ogni associato di SIAF Italia è professionalmente libero di non collaborare verso obiettivi che contrastino con le proprie convinzioni etiche e con i propri valori, impegnandosi sempre a salvaguardare le esigenze del cliente.

Il socio professionista adotta condotte non lesive per i propri clienti e non usa il proprio ruolo e i propri strumenti professionali per assicurare a sé o ad altri indebiti vantaggi.

Costituisce illecito deontologico qualunque comportamento che comprometta l’immagine della categoria professionale, costituisca abuso della propria posizione professionale e/o violazione del codice penale.

 

Art. 3 – Competenza e Professionalità 

Il socio professionista è tenuto ad operare nel proprio ambito di competenza professionale, a mantenere un livello adeguato di preparazione e aggiornamento professionale con particolare riguardo ai settori nei quali opera. La violazione dell’obbligo di formazione continua – curando il percorso di Educazione Continua Professionale (ECP), il ricorso alla supervisione e al percorso personale – determina l’allontanamento dall’Associazione.

Il socio professionista riconosce i limiti della propria competenza e non suscita aspettative infondate nel cliente e/o utente. Il socio professionista utilizza solo strumenti e tecniche per i quali ha acquisito adeguata conoscenza e competenza e, ove necessario, formale autorizzazione.

Costituisce illecito deontologico fare uso di titoli riservati per legge ad altre categorie professionali, effettuare dichiarazioni mendaci relativamente alla propria formazione professionale e/o al proprio titolo professionale, utilizzare prassi e strumenti finalizzati alla diagnosi, alla cura, all’assistenza, alla riabilitazione.

 

Art. 4 – Rapporti con il Cliente 

Il socio professionista, nella fase iniziale del rapporto professionale, fornisce al cliente, al gruppo, all’istituzione o all’azienda informazioni adeguate e comprensibili circa la sua prestazione, le finalità e le modalità della stessa nonché il rispetto dei limiti giuridici della riservatezza. Pertanto opera in modo che il proprio utente e/o cliente possa esprimere e sottoscrivere un consenso informato concernente gli obiettivi, i tempi e il compenso economico.

È eticamente e deontologicamente scorretto prolungare il trattamento o gli incontri di consulenza qualora si siano dimostrati inefficaci o dannosi. Se richiesto, il socio professionista fornisce al cliente le informazioni necessarie a ricercare altri professionisti e più adatti trattamenti.

 

Art. 5 – Presa in Carico 

Il socio professionista si astiene dall’intraprendere o dal proseguire qualsiasi attività professionale ove problemi o conflitti personali possano interferire con la qualità e con la neutralità della prestazione professionale stessa. 

Il socio professionista evita commistioni tra ruolo professionale e relazioni private che possano interferire con il rispetto delle condivise regole deontologiche.  

Costituisce illecito deontologico il rifiuto o l’interruzione del rapporto con l’utente senza giusta causa, ovvero che non sia motivato ed accompagnato dalle necessarie cautele per evitare vissuti di disagio nel cliente.

 

Art. 6 – Correttezza Professionale 

Il socio professionista è consapevole della responsabilità sociale derivante dal fatto che, nella pratica professionale, può intervenire significativamente nella vita degli utenti; pertanto deve evitare l’uso non appropriato della sua influenza e non utilizzare indebitamente la fiducia e le eventuali situazioni di dipendenza dei clienti e degli utenti destinatari della prestazione professionale. Il socio professionista è responsabile delle proprie attività professionali e delle loro prevedibili dirette conseguenze.

È vietato obbligare i propri allievi a seguire percorsi individuali di crescita personale con i propri docenti e/o con il direttore didattico.

 

Art. 7 – Segreto Professionale 

Il socio professionista è tenuto al rispetto dell’obbligo di mantenere il segreto professionale, salvo per i casi previsti dalla legge in vigore.

Il socio professionista che, nell’esercizio della propria professione, venga a conoscenza di qualsiasi forma di sfruttamento e/o violenza su un minore, deve decidere di intervenire per contrastarla segnalando la situazione a chi ne esercita la potestà o a chi di competenza.

Le prestazioni professionali a persone minorenni sono, generalmente, subordinate al consenso di chi

esercita sulle medesime la potestà genitoriale o la tutela. Il socio professionista che, in assenza del consenso informato, giudichi necessario l’intervento professionale nonché l’assoluta riservatezza dello stesso, è tenuto ad informare l’Autorità Tutoria dell’instaurarsi della relazione professionale. Sono fatti salvi i casi in cui tali prestazioni avvengano su ordine dell’autorità legalmente competente o in strutture legislativamente preposte.

 

Art. 8 – Pubblicazioni Didattiche 

Per pubblicazioni scientifiche, didattiche o di ricerca – fatta salva l’impossibilità di identificazione dei soggetti – il socio professionista potrà utilizzare i dati e gli elaborati raccolti durante le proprie prestazioni professionali.

In ogni caso, i soggetti coinvolti dovranno essere messi al corrente delle finalità d’uso del materiale prodotto.

Nella sua attività professionale, di docenza, di didattica e di formazione il socio professionista stimola negli studenti, allievi e tirocinanti l’interesse per i principi etici e deontologici anche ispirando ad essi la propria condotta professionale.

 

Art. 9 – Rapporto con i Colleghi 

Ciascun socio professionista è tenuto a rispettare la professionalità dei colleghi ed a mantenere rapporti basati su lealtà e correttezza.

Il socio professionista, facendo proprie le finalità dell’Associazione, promuove e favorisce rapporti di scambio e collaborazione. È possibile avvalersi dei contributi di altri specialisti, con i quali si realizza opportunità di integrazione delle conoscenze, in un’ottica di valorizzazione delle reciproche competenze.

 

Art. 10 – Esercizio della propria attività professionale 

Nell’esercizio della propria attività professionale e nelle circostanze in cui rappresenta pubblicamente l’Associazione e la professione a qualsiasi titolo, il socio professionista è tenuto ad uniformare la propria condotta ai principi del decoro e della dignità professionale.

Indipendentemente dai limiti posti dalla vigente legislazione italiana in materia di pubblicità, il socio professionista non assume pubblicamente comportamenti scorretti e/o ingannevoli finalizzati al procacciamento della clientela. In ogni caso può essere svolta pubblicità informativa circa i titoli e le specializzazioni professionali, le caratteristiche del servizio offerto, nonché il prezzo e i costi complessivi delle prestazioni secondo criteri di trasparenza e veridicità del messaggio il cui rispetto è verificato dal competente Consiglio Direttivo Nazionale e dalla Commissione di Indirizzo e Sorveglianza. Il messaggio propagandistico deve essere formulato nel rispetto del decoro professionale, conformemente ai criteri di serietà, veridicità ed alla tutela dell’immagine della professione.

La mancanza di trasparenza e veridicità del messaggio pubblicizzato costituisce violazione deontologica.

BIBLIOGRAFIA

LIBRI DI BERT HELLINGER

  1. Bert Hellinger Gli ordini dell’amore, Ed.Urra.
  2. Bert hellinger I due volti dell’amore, Ed. Crisalide.
  3. Bert Hellinger Gli ordini dell’aiuto – Aiutare gli altri e migliorare sé stessi, Ed. Tecniche nuove.
  4. Bert Hellinger Gli ordini del successo. Nella vita e nel lavoro, Ed. Tecniche nuove.
  5. Bert hellinger Riconoscere ciò che è. La forza rivelatrice delle costellazioni familiari, Ed. Univ.Ec.Feltrinelli.
  6. Bert Hellinger, Gabriele ten Hovel Il lungo cammino – Intervista con il padre delle costellazioni familiari, Ed. Tecniche nuove.

STORIA DELLE COSTELLAZIONI

 

Ursula Franke Il fiume non guarda mai indietro - Fondamenti storici e pratici delle costellazioni familiari di B.H. Ed. Crisalide.

 

LIBRI DELLE COSTELLAZIONI

  1. Wilfred Nelles Dove vanno le costellazioni familiari, Ed. Urra.
  2. Bertold Ulsamer Il grande manuale delle costellazioni familiari - Come praticare la terapia sistemica di Bert Hellinger,  Ed. L’Età dell’Acquario.
  3. M. Moretti, D. Poggioli Manuale di costellazioni familiari individuali, Ed. Alpes.
  4. Andrea Penna Ti permetto di far parte di me – Come scoprire il confine tra il nostro agire e le memorie dei nostri antenati e far pace con il passato, Ed. Unoeditori.

LIBRI SULLE COSTELLAZIONI CON LE COPPIE

  1. Wilfred Nelles Nella buona e nella cattiva sorte, Ed. Urra.
  2. Olaf Jacobsen Non sono più a tua disposizione. Come liberarsi dalle sensazioni opprimenti e vivere al meglio le proprie relazioni, Ed.tecniche nuove.

LIBRI SULLE COSTELLAZIONI CON I BAMBINI

  1. Bert Hellinger Guardare nell’anima dei bambini, Ed. Tecniche Nuove.
  2. Marianne Franke-Gricksch Tu sei uno di noi - Le costellazioni familiari e la scuola. Intuizioni e soluzioni sistemiche per insegnanti, alunni e genitori, Ed. Crisalide
  3. Anna Zanardi Cocchi di mamma, cocche di papà. Riconoscere il proprio ruolo e vivere in armonia, Ed. tecniche nuove.
  4. Donatella Celli I bambini, le relazioni, i traumi Costellazioni familiari e Somatic Experiencing, Ed. tecniche nuove.

LIBRI SULLE COSTELLAZIONI CON LE MALATTIE

  1. Anna Zanardi Psicosomatica della pelle, Ed. tecniche nuove.
  2. Thomas Schafer Guarire le malattie dell’anima.
  3. Thomas Schafer Più coraggio per vivere.
  4. Gérard Athias – Le radici familiari della malattia – Volume primo, secondo e terzo – Ed. Venexia

 

LIBRI SULLE COSTELLAZIONI CON LE FIABE

  1. Thomas Schafer Se la bella addormentata non si sveglia più, Es. tecniche nuove.
  2. Jacob R.Schneider, Brigitte Gross Fiabe e costellazioni familiari,  Ed. Urra.

LIBRI SUI TRAUMI

  1. Peter Levine Somatic Experiencing®, Ed. Astrolabio.
  2. Bessel van der Kolk Il corpo accusa il colpo.Bessel van der Kolk  Raffaello Cortina Editore     
  3. Laurence Heller - Aline LaPierre      Guarire i traumi dell'età evolutiva  Casa Editrice Astrolabio 
  4. John Bowlby, Una base sicura, Raffaello Cortina editore     
  5. Laurence Heller Aline LaPierre  - Guarire i traumi dell’età evolutiva – Casa editrice Astrolabio

LIBRI VARI INERENTI AL TEMA DELLA COSTELLAZIONI FAMILIARI

  1. Alfred R., Bettina Austermann La sindrome del gemello scomparso – Il gemello che non sapevi di aver avuto, Ed. Amrita.
  2. Daan van Kampenhout Immagini dell’anima - Le dinamiche dell’anima nei rituali sciamanici e nelle costellazioni familiari, Ed. Crisalide.
  3. Il libro tibetano dei Morti – La grande liberazione attraverso l’udire nel Bardo, Commento e traduzione di Chogyam Trungpa e Francesca Fremantl,  Ubaldini Editore, Roma.
  4. Il Libro tibetano dei morti a cura di Giuseppe Tucci – Ed. SE
  5. Mario Pincherle Libro tibetano dei morti – Bardo Todol, Ed. Anima edizioni
  6. Massimo Scaligero Reincarnazione e Karma – Il ritorno sulla terra come legge di equilibrio, Ed. mediterranee.
  7. Thorwals Dethlefsen Il destino come scelta – Psicologia esoterica Ed. Mediterranee.
  8. Enrica Perucchietti – Utero in affitto – Edizione Revoluzione
  9. Antonio Bertoli – In nome del padre e della madre – Il legame archetipico tra famiglia e malattia – Volume primo  e volume secondo– Macro edizioni

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: