Sono Dina Tommasi e Amasti Mondi è l' anagramma del mio nome. 

Lo cercai un giorno di qualche anno fa quasi per gioco e appena mi si mostrò all'interno di un lungo elenco, lo riconobbi proprio come mio. Dentro di me sentii immediatamente che quelle due parole mi si confacevano perfettamente,  molto più di Dina Tommasi, il nome datomi dalla mia famiglia.

Amasti Mondi è proprio il mio nome perché posso dire con certezza che in questa vita e molto probabilmente anche in  molte altre attraversate prima di adesso, i mondi li ho proprio amati, così come continuo ad amare questo in cui mi trovo e ad essere grata alla Vita per tutto quanto mi da in ogni istante, per tutte le cose belle e quelle meno belle, perché tutte mi sono servite per arrivare fino a dove sono ora e ancora mi spingono a proseguire con coraggio e determinazione.

E così, il mio moto è  una bellissima frase di  Bert Hellinger:

 

 " Onoro la Vita, la seguo ovunque mi conduca"

Grazie!

 

E ora, un po' di me...

 

Per molti anni il mio lavoro principale è stato nel settore moda iniziando come assistente e poi come Product Manager di diversi famosi brand di prima linea. Questo lavoro mi ha dato moltissimo, in particolare struttura e ordine necessari per seguire tutte le frenetiche fasi che l’organizzazione richiede quando si tratta di prime linee con sfilata in passerella.

Da sempre però mi sono interessata a percorsi alternativi frequentando corsi e per-corsi diversi, come astrologia, grafologia e l’analisi junghiana, spinta sempre più dal desiderio e dalla curiosità di approfondire l’animo umano attraverso indagini profonde.

Alla fine degli anni 80, in contemporanea con il mio lavoro, mi sono iscritta alla Facoltà di Lettere e Filosofia a Verona e nel 1996 ho conseguito la laurea in Filosofia con votazione di 104/110.

Nel 2008 partecipo ad una serata di Costellazioni familiari e subito riconosco in questa metodologia una forza straordinaria capace di sciogliere i blocchi che frequentemente ci ostacolano nel corso della vita.

Frequento assiduamente gli incontri tenuti dalla dottoressa Maria Cristina Piras e successivamente inizio un formazione in Costellazioni familiari sistemiche con la Dott.ssa Jutta ten Herkel, il Dr. Prof. Franz Ruppert e la Dott.ssa Marianne Franke- Gricksch.

 

Trovo un ulteriore stimolo ed entusiasmo ad approfondire ulteriormente questo percorso  incontrando il Dott. Marco Massignan dove nel suo libro “Costellazioni rituali – sciamanismo e rappresentazioni sistemiche: una via spirituale” trovo un tema a me molto caro, il Sacro.

Mi iscrivo immediatamente ad una formazione di secondo livello presso Nemeton – Istituto di arte sciamanica e sistemica in Costellazioni rituali®, risoluzione dei traumi e Sciamanismo  in cui trovo la possibilità di approfondire l’aspetto Sacro di questa metodologia anche attraverso l’uso degli strumenti e della voce. E proprio la forza dell’uso della voce che rilevo durante i lavori di costellazioni familiari,  mi porta nel corso di quegli anni ad iniziare un nuovo approfondimento attraverso "Sound healing: l’arte sacra del suono e della voce", sempre con il Dott. Marco Massignan,  ritenendo questa via come semplice evoluzione di un percorso che viene così ed integrato ed arricchito da antichi usi e conoscenze dimenticate.

Ma è l’incontro con Uomini e Donne Medicina di tradizione amazzonica che danno una svolta alla mia vita personale e lavorativa. Mi reco quindi in Ecuador per approfondire la conoscenza delle loro tradizioni e  vivendo accanto a loro e ai loro riti,  entro sempre più in un mondo di semplicità straordinaria dove la connessione con il Tutto è in ogni cosa, in ogni gesto. Non ringrazierò mai abbastanza la Vita  per aver avuto questa opportunità di conoscere persone semplici ed umili, ma allo stesso tempo dotate di grande forza e potere,  rispettare tutto ciò che li circonda e ringraziare per tutto ciò che hanno.

Questa esperienza mi prova e mi cambia molto.

Dopo l’Ecuador arriva l’India, dove resto per alcuni mesi nell’Ashram di Sri Mata Amritanandamayi Devi, conosciuta da noi come “Amma”, guida spirituale riconosciuta a livello mondiale. Avevo incontrato la Devi Amma alcuni anni prima e annualmente svolgo servizio di volontariato durante la sua visita annuale a Milano.

Guardando quotidianamente la vita che conduce Amma e attraverso il Karma Yoga (il servizio disinteressato) amplifico la mia attitudine di attenzione e amore per gli altri.

Sono SEP, operatrice di Somatic Experiencing®, metodo naturale di lavoro psico –fisiologico basato sulle ricerche del Dott. Peter Levine sulla natura e lo stress del trauma.

 

Somatic Experiencing® è riconosciuta e supportata dalla comunità scientifica internazionale e sta diffondendosi nel mondo ovunque necessiti aiuto, sostegno e trasformazione.

 

Sono Operatrice olistica del suono formata presso la scuola  "Rinascere nel suono"  del Maestro Giovanni Casanova a Milano.

 

A maggio 2018 ho concluso il percorso della Ricerca della Visione secondo la tradizione del Fuego Sagrado de Itzachilatlan voluta da Aurelio Diaz Tepankalli in accordo con  Wallace Black Elk del popolo Lakota.

 

Dal 2017 sono Formatrice e conduco Training di formazioni base in Costellazioni familiari e sistemiche con l'intenzione di divulgare e far apprendere questo straordinario lavoro a più persone possibili in modo che la conoscenza e l'applicazione dei loro Ordini possano entrare nella vita di ogni giorno con tutte le persone che ci circondano, dalla famiglia, al lavoro e a tutte le nostre relazioni, migliorando così i rapporti e aumentando il nostro benessere psico-fisico.

Collaboro con Paola Biato, Patrizia Capodicasa Zemella, il Maestro Giovanni Casanova , Rosalba Laurora e Temascaleri diversi proponendo seminari di approfondimento al Training di formazione base in Costellazioni familiari e sistemiche  con  "Fiabe e il programma di vita segreto con le Costellazioni familiari", "Gli atti psico-magici di Jodorowsky e i tarocchi nelle Costellazioni familiari", "Costellazioni familiari con l'uso della voce, strumenti e vibrazioni sonore" e weekend di Costellazioni familiari e Capanna sudatoria.   

 

Nella continua evoluzione del mio lavoro, quando necessario uso la voce, il tamburo e le vibrazioni sonore che si sono dimostrati strumenti straordinari per accelerare il processo della risoluzione all’ interno del campo morfico.

 

Durante l'anno propongo inoltre anche laboratori ed incontri diversi tra loro dove di volta in volta - attraverso esercizi mirati -  si vanno ad incontrare parti profonde e spesso a noi ancora sconosciute incluso il grande mondo dei sogni.